I nostri canali

Se ti hanno appena regalato una coppia di canarini e non sai proprio come curarla, dove tenerla, cosa dar loro da mangiare, ecco Le 10 cose che devi sapere se hai appena preso un canarino.

Il canarino che hai appena acquistato si troverà a dover conoscere la sua nuova casa, dovrà adattarsi nel nuovo ambiente che sia all’aperto o in una stanza chiusa. Ed è per questo che: 

  1. I canarini devono vivere in tranquillità, in un ambiente poco rumoroso, in una stanza della casa abbastanza silenziosa. Lo stress, che può essere causato da forti luci, forti rumori continui, passaggio continuo di persone o altri animali, abbassa la qualità della vita del canarino in misura significativa. Le gabbie non vanno poste a terra, ma appoggiate su una superficie almeno a un metro di altezza; 

Le gabbie

  1. I canarini devono vivere in una voliera o in una gabbia adatta. Purtroppo, sono ancora molto diffuse e vendute le gabbiette a campana per i canarini, sviluppate in altezza e con un solo posatoio, proprio come quella di Titti del cartone animato. Ecco, quella è la gabbia meno adatta ai canarini. La gabbia deve svilupparsi in orizzontale ed essere lunga almeno 50 o 60 centimetri. Due o tre posatoi vanno posti a una distanza di circa 30 centimetri, tutti alla stessa altezza, in modo tale da rendere possibile il volo. Sul fondo della gabbia sarà necessaria, qualora non sia presente all’acquisto, una griglia che separa gli uccelli dal fondo, dove cadranno le feci. Occhio alla luce! Il fotoperiodo, e cioè la durata di illuminazione in una giornata, è alla base della vita per loro: se li hai all’esterno seguiranno e si adatteranno alla luce solare, ma se li tieni in una stanza chiusa dovrai rispettare le ore di luce esterne. Sono in commercio delle centraline “alba e tramonto” che simulano la luce del sole. Non svegliarli accendendo la luce durante le ore notturne. Qui trovi una guida sulle voliere

Le gabbie di 65cm sono ideali per canarini. Queste della Domus molinari sono ideate appositamente per il volo dei canarini, per gli accoppiamenti e la crescita dei pulli. Visita il link qui sotto. #adv

Acquista dai banner sul sito per sostenerci.

L’alimentazione

  1. I canarini sono uccelli granivori, mangiano principalmente semi. Va fornita loro una buona miscela di semi specifica per canarini. La puoi trovare in uccelleria o in tutti i negozi di animali. Essi mangiano l’interno del seme che sbucciano con il becco, lasciando cadere il guscio esterno: i semi vanno soffiati una volta al giorno per rimuovere proprio le bucce che ricadono nelle mangiatoie. Qui trovi una guida sui semi per i canarini.

4. L’alimentazione va sempre integrata con sali minerali e vitamine. Nella gabbia non deve mancare l’osso di seppia, fonte primaria di calcio. Il grit solido o solubile fornirà tutti i sali minerali utili agli uccelli. I canarini amano frutta e verdura di stagione, da somministrare sporadicamente, non tutti i giorni, ben lavata e asciugata: mele e zucchine sono ottime per loro. Qui trovi una guida sulla frutta da dare ai canarini.

Il grit è molto utile agli uccelli: aiuta a integrare il calcio, rafforza il guscio delle uova e le unghie e il becco dei pennuti. Prova questo grit che ti consiglio qui sotto. #adv

  1. Il pastoncino è l’alimento che completa la dieta, contribuisce ad apportare valori nutrizionali importanti ma che scarseggiano o non sono presenti nei semi. Pastoncini diversi vanno somministrati in periodi diversi dell’anno, come riportato qui

Nel locale di allevamento, che sia al chiuso o semi-aperto, è fondamentale tener d’occhio i valori di temperatura e umidità, che influenzano in maniera importante la qualità di vita dei tuoi animali. Il termometro digitale neoteck è perfetto per l’allevamento. Provalo qui sotto. #adv

Fasi importanti

  1. Come tutti gli uccelli, i canarini attraversano durante l’anno una fase di muta in cui affrontano il ricambio di tutte le penne e le piume. Tra agosto e settembre ritroverete la stanza piena di piume. È una fase delicata per il canarino, una buona muta è fondamentale per affrontare al meglio la primavera. Durante questo periodo, che dura dai 30 ai 50 giorni, noterai che il canarino maschio non canta, ma non allarmarti, è normale; non ha bisogno di molta luce, tenerlo in penombra lo aiuterà. 

7. In primavera i canarini sono pronti alla riproduzione, il periodo dell’anno più impegnativo per un allevatore, che dovrà essere preparato a gestirla al meglio. Non affrontare la riproduzione senza aver prima consultato guide online, video o un altro allevatore.

Un animale intelligente

canarino rosso mosaico maschio Come distinguere il sesso dei canarini: metodi e curiosità
  1. Il canarino, al pari di altri animali da compagnia quali cani, gatti, pappagalli, è un animale intelligente. Impara a riconoscere le persone che si prendono cura di lui. Prendere un solo canarino non è una buona idea. Può soffrire la solitudine, una coppia è la soluzione migliore: in fatti due maschi finirebbero per litigare nella stessa gabbia. I canarini sono sempre più consigliati nella pet therapy, una terapia che prevede l’uso di animali da compagnia per la cura di patologie e di problemi psichici di varia natura. 

9. L’igiene è importante. Ai canarini va offerta periodicamente una vaschetta con un dito d’acqua in cui essi possano fare il bagnetto. Tutti gli uccelli in natura cercano specchi d’acqua, fiumi o ruscelli per curare la propria igiene. Sul fondo della gabbia va posizionata carta di giornale, carta bulinata o sabbia specifica, per assorbire le feci degli uccelli. Le gabbie, le voliere e tutti i componenti quali mangiatoie, beverini, devono essere sottoposti a una approfondita pulizia periodicamente. Un trattamento antiparassitario è consigliato sia noi i grandi allevamenti che per la singola coppia in casa. Esistono molteplici antiparassitari per uccelli che vanno applicati in differenti modi. Ne parlo qui Il trattamento antiparassitario: i parassiti del canarino.

Il pastoncino morbido fly della Raggio di sole è l’ideale per i canarini. Valuta qui l’acquisto #adv

10. Può capitare che un canarino stia evidentemente male, sia più debole del solito, sia un po’ più gonfio; in questi casi non esitate a contattare o a portare il soggetto da un medico veterinario che saprà sicuramente aiutarvi. 

Questa era una breve guida, non approfondita, per principianti.

Per una buona riproduzione, i canarini non devono avere carenze alimentari. Per questo un buon multivitaminico per uccelli da gabbia è perfetto per sopperire alle carenze. Prova il nekton-s , il più usato dagli allevatori. #adv  

Leggi gli articoli sui canarini qui.

Le 10 cose che devi sapere se hai appena preso un canarino

linkografia immagini

https://www.flickr.com/photos/rkramer62/6827032314
https://publicdomainvectors.org/it/vettoriali-gratuiti/Gabbia-depoca-vittoriana/47975.html
https://www.publicdomainpictures.net/en/view-image.php?image=297956&picture=summer-tanager-taking-a-bath

Le 10 cose che devi sapere se hai appena preso un canarino


In questa pagina sono presenti link di affiliazione che garantiscono a questo sito una piccola quota di ricavi, senza variazione del prezzo per l’acquirente.


orniinfo

Ciao visitatore, mi chiamo Michele e sono il fondatore di orniinfo.com. Sono un "Millenials" e studente universitario. La mia passione per l'ornitologia nasce a 20 anni, quando ho iniziato a prendermi cura del canarino di mio padre. Ho studiato su molti libri sull'ornitologia e l'esperienza acquisita fa sì che riesca a dare molti consigli a allevatori e birdwatchers, soprattutto a chi è alle prime armi.

0 Comments

Lascia un commento

Avatar placeholder

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *