L’inverno è un periodo duro da affrontare per tutti gli animali selvatici che devono far fronte, da dicembre a febbraio, a una scarsità di cibo e a temperature rigide. Tu stesso puoi offrire un rifugio sicuro a molti uccelli che vivono in Italia oppure che decidono di svernare nelle nostre regioni, costruendo una casetta-rifugio. Seguendo tutti i suggerimenti di questo contenuto, una coppia di uccelli potrebbe addirittura scegliere la tua casetta come nido per mettere al mondo piccoli pennuti e sarebbe per te una soddisfazione unica!

Dove posizionare la casetta

Scegli un luogo tranquillo e riparato dagli agenti atmosferici. Posiziona la casetta al riparo da pioggia, grandine e neve ma anche dalla luce diretta del sole. Va esposta verso nord-ovest, oppure in una zona ombreggiata da un albero o da una costruzione.

Fissa la casetta ad un’altezza di almeno due metri, in maniera ben salda: puoi inchiodarla ad un tronco oppure usare dei ganci che siano fissati bene alla casetta. È importante che non dondoli esposta al vento.

Entra nella pagina dedicata al birdwatching

Acquista una casetta oppure costruiscine una

Puoi costruire una casetta utilizzando materiale di scarto, usando, ad esempio, il legno delle cassettine della frutta, oppure puoi scegliere di acquistare una casetta per uccellini costruita con tutte le misure adatte e già testate. Ti consiglio tre casette qui sotto.

La casetta della Wildtier Herz è perfetta per passeriformi quali cinciarelle e simili. In legno massello, è resistente alle intemperie. Leggi tutte le caratteristiche cliccando sul banner qui sotto.

Casetta Wildtier Herz

La particolarità di questa casetta prodotta da Kerbl è che bisogna montarla prima di posizionarla. Nel set sono compresi colla specifica e un martello per montare la casetta in legno. Ti lascio il banner qui sotto per leggere tutti i dettagli del prodotto.

Casetta Kerbl

Un’altra casetta davvero ben fatta è questa della Whitehorse in legno di cedro, resistente alle intemperie e con le dimensioni fatte a regola d’arte. È facile da installare, incluse anche le viti e tutto ciò di cui c’è bisogno per l’installazione.

Casetta Whitehorse

Come costruire una casetta in legno

Per costruire una casetta per uccelli in legno non esiste una procedura fissa, basta semplicemente far attenzione ad alcune componenti essenziali:

  • Colorazione a tinta unita Gli uccelli hanno una vista molto sviluppata e riescono a distinguere più colori rispetto all’uomo; riescono addirittura a vedere la luce ultravioletta. Questa sensibilità al colore va limitata usando un colore neutro quale il marrone o il grigio.
  • Usa legna adeguata Preferisci della legna trattata come assi di legno o compensato. Evita il truciolato o legna fresca.
  • Pratica un piccolo foro sul fondo In tal modo l’acqua che entra con la pioggia riesce a scolar via e non rimane nella casetta.
  • Pratica un foro sulla faccia principale Il foro deve avere un diametro di circa 32mm, in modo tale da essere adeguato all’uso di cince e passerotti. Altri uccelli, come il pettirosso, preferiscono un foro leggermente più grande.
  • Inserisci sotto il foro d’ingresso in piccolo posatoio
  • Aggiungi una mangiatoia Tra le specie di uccelli che frequentano più spesso le casette in legno, i passeri, le cince, i codirosso spazzacamino e i pettirossi sono particolarmente comuni. Sono passeriformi che amano nel periodo invernale semi vari come il miglio, il girasole, l’avena, uvetta passa, arachidi (non salate), frutta secca, farina di mais e piccoli pezzetti di pane.

Ho ripreso alcuni uccellini nella casetta in legno costruita da me. Ho ripreso i due uccelli grazie a questa telecamera che mi ha inviato una notifica grazie ai sensori di movimento. Guarda il video qui sotto.

ANTELA

Casetta per gli uccelli selvatici | quale scegliere

Casetta per gli uccelli selvatici | quale scegliere


In questa pagina sono presenti link di affiliazione che garantiscono a questo sito una piccola quota di ricavi, senza variazione del prezzo per l’acquirente.


orniinfo

Ciao visitatore, mi chiamo Michele e sono il fondatore di orniinfo.com. Sono un "Millenials" e studente universitario. La mia passione per l'ornitologia nasce a 20 anni, quando ho iniziato a prendermi cura del canarino di mio padre. Ho studiato su molti libri sull'ornitologia e l'esperienza acquisita fa sì che riesca a dare molti consigli a allevatori e birdwatchers, soprattutto a chi è alle prime armi.

0 Comments

Lascia un commento

Avatar placeholder

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *