I nostri canali

Il basilico ha conquistato i nostri palati e le cucine di tutto il mondo. L’Ocimum basilicum è una pianta aromatica appartenente alla famiglia delle Lamiaceae ed è originario delle regioni tropicali dell’Asia. 

Questa pianta è apprezzata non solo per il suo aroma distintivo, ma anche per il suo ruolo centrale nella cucina di molte culture. La sua fragranza fresca e leggermente dolce aggiunge un tocco di vivacità e sapore ai nostri piatti. 

Ha anche una lunga storia nell’ambito della medicina tradizionale, grazie alle sue proprietà antibatteriche, antinfiammatorie e antiossidanti. Inoltre, l’aroma rinfrescante del basilico è stato utilizzato nell’aromaterapia per favorire la concentrazione mentale e il benessere. 

Quando piantare il basilico

Il basilico è una pianta sensibile al freddo e predilige temperature più calde. La stagione ideale per piantare il basilico è la primavera, quando le temperature si stabilizzano sopra i 10-15 gradi di giorno e non ci sono rischi di gelate notturne. Un consiglio è di piantare il basilico tra fine maggio e inizio giugno. 

Se desideri coltivare il basilico all’interno in vaso, puoi farlo tutto l’anno, poiché puoi controllare le condizioni ambientali all’interno della tua casa. Assicurati di fornire una buona illuminazione e una temperatura adeguata alla crescita delle piante. 

Ecco alcuni consigli per curare il basilico in vaso 

  • Scelta del vaso: assicurati di utilizzare un vaso abbastanza grande da consentire lo sviluppo delle radici del basilico. Un vaso con un buon drenaggio è essenziale per prevenire ristagni d’acqua che potrebbero danneggiare le radici. 
  • Posizione: posiziona il basilico in un’area che riceva almeno 6-8 ore di luce solare diretta al giorno. Il basilico preferisce una temperatura tra i 18 e i 27 gradi Celsius. 
  • Terreno: utilizza un terreno fertile e ben drenato per il basilico. Puoi miscelare terra da giardino con compost per migliorare la fertilità del terreno. Evita terreni troppo compatti che potrebbero trattenere troppa umidità. 
  • Irrigazione: mantieni il terreno umido, ma evita l’eccessiva irrigazione che potrebbe causare marciume delle radici. Innaffia il basilico quando il terreno in superficie inizia a seccarsi leggermente. È meglio irrigare dal basso, mettendo l’acqua nel sottovaso o utilizzando un sistema di irrigazione a goccia. 
  • Concimazione: fornisci al basilico una fonte di nutrimento regolare utilizzando un concime equilibrato. Puoi utilizzare un concime a lenta cessione specifico per le erbe aromatiche o un concime organico una volta al mese. 
  • Controllo dei parassiti: controlla regolarmente il basilico per eventuali segni di infestazione da insetti come afidi o bruchi. In caso di infestazione, puoi utilizzare metodi di controllo biologico come l’uso di insetti predatori o detergenti naturali. 

Per la concimazione ti consiglio del concime a bastoncini, ottimo per tutte le piante orticole e per il basilico. È davvero facile da utilizzare e i risultati sono praticamente garantiti. I bastoncini di Compo Bio vanno posizionati direttamente nel terreno del vaso in qualsiasi momento della vita della pianta, apportando elementi nutritivi e minerali essenziali. #adv

La nostra scelta

Parassiti del basilico

Spesso le foglioline di basilico cominciano a presentare piccoli buchi ed è bene agire tempestivamente, prima che le foglie vengano consumate del tutto. 

I buchi sulle foglie di basilico possono essere causati da diversi fattori, tra cui: 

  • Insetti: alcuni insetti come afidi, bruchi, cavallette o coleotteri possono mordere le foglie di basilico. Ogni insetto ha un modo specifico di nutrirsi delle piante e può lasciare segni caratteristici. 
  • Lumache e limacce: questi animali possono essere responsabili dei buchi sulle foglie di basilico. Sono particolarmente attivi durante la notte e si nutrono delle foglie delle piante. 
  • Malattie fungine: alcune malattie fungine, come la muffa grigia o la peronospora, possono causare lesioni sulle foglie di basilico, tra cui buchi o macchie scure. 
  • Condizioni ambientali: condizioni ambientali avverse, come un’eccessiva esposizione al sole, vento forte o grandine, possono causare danni alle foglie del basilico, inclusi buchi. 

Per identificare la causa esatta dei buchi sulle foglie di basilico, è utile esaminare attentamente le piante e cercare tracce di insetti, lumache o segni di malattie fungine. In base alla causa identificata, potrai adottare le misure adeguate a proteggere le piante, come l’uso di pesticidi naturali, l’eliminazione manuale degli insetti, l’uso di barriere fisiche per tenere lontani gli animali o l’applicazione di fungicidi specifici in caso di malattie fungine. 

Per tutti i tipi di parassiti ti consiglio il celeberrimo Olio di neem. Atossico, funziona praticamente al 100% contro tutti i parassiti. Valuta l’acquisto nel banner qui sotto.

La nostra scelta

Posso dare il basilico ai miei uccelli?

Sì, il basilico può essere dato ai canarini, agli altri fringillidi e ai pappagalli quali agapornis, cocorite, ondulati. Il basilico è molto nutriente per molti uccelli. Tuttavia, è importante fornirlo con moderazione e in quantità adeguate. 

Il basilico fresco può essere offerto sottoforma di foglie sminuzzate o mescolato con altri alimenti. Assicurati di lavare bene il basilico per rimuovere eventuali pesticidi o contaminanti prima di somministrarlo. 

Il basilico contiene vitamina A, vitamina C, vitamina K, minerali quali manganese, potassio, magnesio, ferro e calcio, fibre e antiossidanti benefici per la salute dei tuoi piccoli animali da compagnia. Tuttavia, ricorda che il basilico dovrebbe essere solo una parte della loro dieta bilanciata. È importante fornire anche un’alimentazione completa e variegata che includa un buon mix di semi, cereali, verdure, frutta, pastoncini. 

Leggi anche:

Coltivare il basilico in vaso: metodi e consigli

Coltivare il basilico in vaso: metodi e consigli

linkografia

Immagine gratis da

https://pixabay.com/it/photos/basilico-impianto-natura-637343/


In questa pagina sono presenti link di affiliazione che garantiscono a questo sito una piccola quota di ricavi, senza variazione del prezzo per l’acquirente.


orniinfo

Ciao visitatore, mi chiamo Michele e sono il fondatore di orniinfo.com. Sono un "Millenials" e studente universitario. La mia passione per l'ornitologia nasce a 20 anni, quando ho iniziato a prendermi cura del canarino di mio padre. Ho studiato su molti libri sull'ornitologia e l'esperienza acquisita fa sì che riesca a dare molti consigli a allevatori e birdwatchers, soprattutto a chi è alle prime armi.

0 Comments

Lascia un commento

Avatar placeholder

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *