È di pochi giorni fa la notizia del ritrovamento di un ibrido tra una volpe e un cane. È già stato ribattezzato Dogxim, e il suo aspetto adorabile e grazioso ha conquistato tutti. Ma come è possibile che due specie diverse come un cane e una volpe abbiano messo al mondo un cucciolo?

In realtà, non è andata proprio così.

Innanzitutto il ritrovamento dell’animale risale a due anni fa in Brasile. È di pochi giorni fa soltanto la conferma avuta dagli studi sul DNA dell’ibrido. E quello che gli studi hanno confermato è stato sorprendente per i biologi brasiliani. Il Dogxim è nato da una femmina di Volpe della Pampa e un cane maschio.

La volpe della pampa non è la volpe che conosciamo noi

Ecco, la volpe della pampa non è di certo la volpe rossa che conosciamo noi. La volpe della pampa Lycalopex gymnocercus è una specie di volpe che vive nelle regioni della pampa del Sud America, inclusi Argentina, Uruguay, Paraguay e Brasile meridionale. È caratterizzata da un mantello di pelliccia grigia o grigio-rossa, a volte con macchie bianche sul petto e sulla gola. È di dimensioni medie, con un corpo snodato, orecchie appuntite e una coda folta e pelosa.

Una riproduzione filogeneticamente possibile

La volpe della pampa è una specie molto più vicina ai cani che alle volpi rosse. Nell’albero filogenetico, cioè la rappresentazione grafica che mostra le relazioni evolutive tra le specie o i gruppi di organismi, molto utilizzato dai biologi, si vede bene come alla fine questo strano incrocio non sia poi così strano. Non è di certo il primo ibrido che nasce in natura, anzi: la natura è piena di ibridi, che siano animali o vegetali.

Leggi anche:

Il Dogxim è davvero un ibrido tra un cane e una volpe

Il Dogxim è davvero un ibrido tra un cane e una volpe


orniinfo

Ciao visitatore, mi chiamo Michele e sono il fondatore di orniinfo.com. Sono un "Millenials" e studente universitario. La mia passione per l'ornitologia nasce a 20 anni, quando ho iniziato a prendermi cura del canarino di mio padre. Ho studiato su molti libri sull'ornitologia e l'esperienza acquisita fa sì che riesca a dare molti consigli a allevatori e birdwatchers, soprattutto a chi è alle prime armi.

0 Comments

Lascia un commento

Avatar placeholder

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *