grit per uccelli, sabbia per uccelli composta da gusci calcarei di molluschi

I nostri canali

Il grit per uccelli è un miscuglio eterogeneo composto da piccoli sassolini di origine calcarea o silicea.  Prima di arrivare alla sua funzione principale e alla sua validità, vediamo da cosa si ricava. 

Il termine grit viene dall’inglese e letteralmente si traduce con sabbia. È l’aspetto granuloso che ricorda un po’ quello della sabbia delle coste marine.  

Grit calcareo e grit siliceo

Il grit calcico è composto prevalentemente da carbonato di calcio, che viene ricavato dai gusci sterilizzati di ostriche e altri molluschi. Ha la funzione di apportare calcio gli uccelli, al pari di osso di seppia e gusci d’uovo tritati. 

Il grit siliceo è composto da silicati e ha la funzione di facilitare la triturazione, e quindi la digestione, dei semi. 

Non è detto che in commercio non possano trovarsi miscugli di entrambi i grit. Per questo è bene leggerne la composizione prima di procedere all’acquisto. 

Questo grit è utile per assimilare un elemento fondamentale, soprattutto nelle femmine in riproduzione, quale il calcio. Clicca sul banner qui sotto per valutarne l’acquisto. #adv

acquista dai banner sul sito per sostenerci

Grit solubile e insolubile

La differenza principale tra il calcareo e il siliceo è la solubilità del primo e l’insolubilità dell’altro. Il grit calcareo viene, infatti, digerito velocemente dall’uccello e utilizzato dal corpo come fonte di calcio. Quello siliceo è insolubile. In realtà viene digerito dall’apparato digerente con tempi molto più lunghi: la permanenza del grit nell’organismo facilita l’assimilazione di grani. 

Gli uccelli hanno davvero bisogno del grit? 

Galliformi e columbiformi ingeriscono spesso alimenti duri e difficili da smaltire. Per questi uccelli il grit insolubile è un toccasana.  

Per gli altri uccelli domestici quali canarini, pappagalli e tutti gli altri fringillidi, anche estrildidi, l’efficacia del grit insolubile non è dimostrata. Il grit solubile è, invece, utile per assimilare un elemento fondamentale, soprattutto nelle femmine in riproduzione, quale il calcio.

Per una buona riproduzione, i canarini non devono avere carenze alimentari. Per questo un buon multivitaminico per uccelli da gabbia è perfetto per sopperire alle carenze. Prova il nekton-s, il più usato dagli allevatori. #adv

Nel periodo riproduttivo, in particolar modo quando in allevamento sono nati i primi pulli, il grit va assolutamente evitato. La coppia potrebbe imbeccare con del grit i piccoli che potrebbero subire ferite al tratto gastroesofageo.  


In questa pagina sono presenti link di affiliazione che garantiscono a questo sito una piccola quota di ricavi, senza variazione del prezzo per l’acquirente.


orniinfo

Ciao visitatore, mi chiamo Michele e sono il fondatore di orniinfo.com. Sono un "Millenials" e studente universitario. La mia passione per l'ornitologia nasce a 20 anni, quando ho iniziato a prendermi cura del canarino di mio padre. Ho studiato su molti libri sull'ornitologia e l'esperienza acquisita fa sì che riesca a dare molti consigli a allevatori e birdwatchers, soprattutto a chi è alle prime armi.

0 Comments

Lascia un commento

Avatar placeholder

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *