Fondamentale per gli uccelli in cattività, l’osso di seppia è da sempre utilizzato come fonte di calcio primaria in allevamento. Ti sarà capitato di trovare ossi di seppia trasportati dalle onde, passeggiando in riva al mare.

Ma cos’è? L’osso di seppia è la tipica conchiglia interna calcarea delle seppie, composta soprattutto da carbonato di calcio CaCO₃ ma anche da altri composti: contiene sali minerali e fosfati.

È utilizzato non solo dagli ornicoltori ma anche dagli allevatori di tartarughe acquatiche, testuggini, lumache o ricci. 

Leggi anche: il potere dei semi germinati: come prepararli

Come somministrarlo agli uccelli

L’osso di seppia va inserito nelle gabbie o voliere e va fissato, in modo tale da permettere agli uccelli di beccarlo comodamente e di limare il becco. Infatti, ha non solo una funzione nutritiva ma anche una funzione “igienica”: gli uccelli strofinando il becco sull’osso, lo puliscono e lo limano, evitando una crescita eccessiva di esso. 

L’osso di seppia non è l’unica fonte di calcio per gli uccelli nelle voliere. Il guscio d’uovo e il grit (composto di gusci di molluschi tritati) sono ottime fonti di calcio. 

la nostra scelta

Da Ossi di seppia di Eugenio Montale, 1925

“Upupa, ilare uccello calunniato
dai poeti, che roti la tua cresta
sopra l’aereo stollo del pollaio
e come un finto gallo giri al vento;
nunzio primaverile, upupa, come
per te il tempo s’arresta,
non muovere più il Febbraio,
come tutto di fuori si protende
al muover del tuo capo,
aligero folletto, e tu lo ignori”.

Dove trovarli?

Gli ossi di seppia sono reperibili in tutti i negozi di animali o uccellerie, fisici e online. Spesso anche nelle pescherie dove è oggetto di scarto. Mentre gli ossi acquistati già confezionati sono pronti per essere subito inseriti in gabbia, quelli trovati in spiaggia o in pescheria devono subire un trattamento preventivo: vanno sterilizzati lasciandoli in acqua bollente per cinque minuti.  

Consigliato da noi

Acquista dai banner sul sito per sostenerci.

Qui trovi gli articoli sull’alimentazione, qui.

L’osso di seppia in allevamento

linkografia immagini

Mariko GODA, CC BY-SA 3.0 https://creativecommons.org/licenses/by-sa3.0 , via Wikimedia Commons

L’osso di seppia in allevamento


In questa pagina sono presenti link di affiliazione che garantiscono a questo sito una piccola quota di ricavi, senza variazione del prezzo per l’acquirente.


orniinfo

Ciao visitatore, mi chiamo Michele e sono il fondatore di orniinfo.com. Sono un "Millenials" e studente universitario. La mia passione per l'ornitologia nasce a 20 anni, quando ho iniziato a prendermi cura del canarino di mio padre. Ho studiato su molti libri sull'ornitologia e l'esperienza acquisita fa sì che riesca a dare molti consigli a allevatori e birdwatchers, soprattutto a chi è alle prime armi.

0 Comments

Lascia un commento

Avatar placeholder

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *