I nostri canali

Settembre è un mese eccellente per gli appassionati di orticoltura. Mentre l’estate si trasforma gradualmente in autunno, tutti possono approfittare delle temperature più miti e della terra ancora calda per coltivare una varietà di ortaggi. Questa guida fornirà un elenco di ortaggi ideali da coltivare a settembre, offrendo consigli utili su come farlo con successo. 

Iniziamo dalla lattuga.

Insalate a foglia larga

In realtà tutte le insalate a foglie larghe possono essere seminate in questo periodo: cavolo cappuccio, scarola, bieta

Versatile e nutrienti, crescono facilmente in giardino o in vaso. La semina è un processo semplice e gratificante che ti permette di godere di insalate fresche e croccanti a casa tua.

  1. Scelta del luogo e del terreno 

Scegli un luogo ben illuminato con luce solare indiretta o parziale. La lattuga può tollerare alcune ore di sole diretto al mattino o alla sera, ma evita l’esposizione prolungata al sole estivo diretto. 

Prepara un terreno ricco di humus con un buon drenaggio. La lattuga cresce meglio in terreni leggeri, sciolte e ben composte. Puoi arricchire il terreno con compost per migliorare la sua fertilità.

2. Semina

Fai piccoli solchi superficiali nel terreno, circa 1 cm di profondità, con uno spazio di 20-30 cm tra le file. 

Disperdi i semi di lattuga lungo i solchi. Cerca di spargere i semi uniformemente. 

Copri delicatamente i semi con un sottile strato di terriccio o compost. Premi leggermente il terreno sopra i semi per assicurarti che siano a contatto con il terreno. 

3. Irrigazione

Annaffia con cura i semi dopo averli piantati. Usa una spruzzata leggera o un annaffiatoio con il beccuccio a pioggia per evitare di disturbare i semi. 

Mantieni il terreno costantemente umido, ma non saturato. La lattuga non ama l’acqua in eccesso. 

Quando le piantine hanno circa 5 cm di altezza, diradale, lasciando uno spazio di 20-30 cm tra le piante per consentire loro di crescere completamente. 

4. Raccolta

La lattuga è pronta per la raccolta quando le foglie sono abbastanza grandi da essere mangiate. Puoi raccogliere le foglie esterne e lasciare le foglie interne a crescere. 

Per la concimazione della lattuga ma anche di tutti gli altri ortaggi, ti consiglio del concime a bastoncini, ottimo per tutte le piante orticole e per il basilico. È davvero facile da utilizzare e i risultati sono praticamente garantiti. I bastoncini di Compo Bio vanno posizionati direttamente nel terreno del vaso in qualsiasi momento della vita della pianta, apportando elementi nutritivi e minerali essenziali. Valuta l’acquisto tramite il banner qui sotto. #adv

Le carote

Le carote sono ortaggi deliziosi e nutrienti che possono essere coltivati con successo in giardino o in vaso. Seminare le carote richiede attenzione ai dettagli e una buona pianificazione.

  1. Scelta del luogo e del terreno

Scegli un luogo soleggiato o leggermente ombreggiato per seminare le carote. Evita le zone con terreno troppo pesante o roccioso, poiché le carote crescono meglio in terreni sciolto e ben drenati. 

Prepara il terreno rimuovendo le erbacce e rompendo i grumi di terra. Puoi anche incorporare compost o letame ben decomposto per arricchire il terreno con nutrienti. 

2. Scelta delle varietà di carote

Le carote sono disponibili in diverse varietà, tra cui carote lunghe, carote tonde e carote colorate. Scegli la varietà che preferisci o sperimentane diverse per una varietà di sapori. 

3. Semina 

Scava solchi poco profondi nel terreno, profondi circa 1 cm e separati da 10-15 cm l’uno dall’altro. Puoi utilizzare il manico di un rastrello o un bastone per fare i solchi. 

Spargi i semi di carota lungo i solchi. Cerca di distribuirli uniformemente, evitando che siano troppo vicini gli uni agli altri. I semi di carota sono molto piccoli, quindi un po’ di pazienza è necessaria. 

Copri i semi con un sottile strato di terra fine o sabbia per garantire un buon contatto tra i semi e il terreno. Premi leggermente il terreno sopra i semi. 

4. Irrigazione

Annaffia delicatamente i semi con un annaffiatoio a beccuccio fine o un irrigatore a goccia per evitare di disturbare i semi. Assicurati che il terreno sia costantemente umido durante la fase di germinazione, che può richiedere da una a tre settimane. 

Quando le piantine raggiungono un’altezza di 5-7 cm, diradale, lasciando spazio tra le piante di almeno 5-7 cm. Questo consentirà alle carote di crescere in modo sano e senza intoppi. 

5. Raccolta

Le carote sono pronte per la raccolta quando raggiungono le dimensioni desiderate. Puoi iniziare a raccoglierle quando sono ancora giovani per carote baby o lasciarle crescere per ottenere carote più grandi. 

Le cipolle

Le cipolle sono ortaggi molto versatili e utilizzati in molte ricette. La loro coltivazione è abbastanza semplice e può essere fatta sia in giardino che in vaso.

  1. Scelta del luogo e del terreno

Scegli un luogo soleggiato con terreno ben drenato. Le cipolle crescono meglio in terreni leggeri e fertili che non trattengono troppo l’acqua. Evita terreni pesanti o argillosi. 

Prepara il terreno rimuovendo le erbacce e arricchiscilo con compost o letame ben decomposto. Le cipolle beneficiano di un terreno ricco di materia organica. 

2. Scelta delle cipolle

Le cipolle sono disponibili in diverse varietà, tra cui cipolle dolci, cipolle rosse e cipolle gialle. Scegli la varietà che preferisci e che si adatta al clima della tua zona. 

3. Semina

Puoi seminare le cipolle direttamente nel terreno o in semenzaio. Se opti per il semenzaio, inizia la semina all’interno alcune settimane prima della data prevista di piantagione all’aperto. 

Fai dei solchi poco profondi nel terreno, spaziati di circa 15-20 cm l’uno dall’altro. 

Disponi i semi di cipolla lungo i solchi, lasciando uno spazio di 2-3 cm tra un seme e l’altro. 

Copri i semi con un sottile strato di terra fine o compost, poi compatta leggermente il terreno sopra i semi per garantire un buon contatto tra i semi e il terreno. 

4. Irrigazione

Annaffia delicatamente i semi subito dopo la semina e mantieni il terreno costantemente umido durante la fase di germinazione, che di solito richiede una o due settimane. 

Quando le piantine raggiungono una dimensione sufficiente, diradale per lasciare uno spazio di circa 5-10 cm tra le cipolle. Questo permetterà alle cipolle di crescere senza essere troppo affollate. 

5. Raccolta

Le cipolle sono pronte per la raccolta quando il loro fogliame inizia a ingiallire e appassire, di solito nell’estate o inizio autunno. Solleva delicatamente le cipolle dal terreno e lasciale asciugare all’aria per qualche giorno prima di conservarle. 

Per tutti i tipi di parassiti ti consiglio il celeberrimo Olio di neem. Atossico, funziona praticamente al 100% contro tutti i parassiti. Valutane l’acquisto nel banner qui sotto. #adv

Le cime di rapa

Le cime di rapa, conosciute anche come broccoli di rapa o rapini, sono un ortaggio a foglia verde dalla rapida crescita e dal sapore caratteristico e leggermente amaro.

Coltivare le cime di rapa è relativamente semplice e gratificante.

  1. Scelta del luogo e del terreno

Le cime di rapa crescono meglio in un luogo soleggiato o in mezz’ombra, con almeno 6-8 ore di luce solare al giorno. 

Il terreno ideale per le cime di rapa è ben drenato e ricco di materia organica. Prepara il terreno rimuovendo erbacce e sassi e arricchiscilo con compost o letame ben decomposto. 

2. Scelta dei semi 

Acquista semi di cime di rapa da un negozio di giardinaggio o online. Ci sono diverse varietà tra cui scegliere, alcune più amare e altre meno. Scegli quella che meglio si adatta al tuo gusto. 

3. Semina

La semina delle cime di rapa può essere fatta sia in primavera che in autunno: in primavera, semina i semi quando il terreno si è riscaldato e le gelate sono passate. In autunno, semina circa 6-8 settimane prima delle prime gelate. 

Fai piccoli solchi nel terreno, distanziati di circa 30 cm l’uno dall’altro. 

Spargi i semi di cime di rapa lungo i solchi, lasciando uno spazio di circa 2-5 cm tra un seme e l’altro. 

Copri leggermente i semi con una sottile strato di terra o compost. Premi delicatamente il terreno sopra i semi per assicurarti che siano a contatto con il terreno. 

4. Irrigazione

Annaffia bene i semi subito dopo la semina per garantire un’umidità adeguata per la germinazione e successivamente, mantieni il terreno uniformemente umido, ma non troppo bagnato. 

Quando le piantine raggiungono una dimensione sufficiente, diradale per lasciare uno spazio di circa 10-15 cm tra le piante. Puoi consumare le foglie tenere diradate come baby cime di rapa. 

5. Raccolta

Le cime di rapa sono pronte per la raccolta quando le foglie sono giovani e tenere, di solito tra 40 e 60 giorni dalla semina.

Taglia le foglie superiori a pochi centimetri dal suolo per incoraggiare una produzione continua. 

Ecco quali ortaggi seminare a Settembre

Ecco quali ortaggi seminare a Settembre

Linkografia immagini

(immagini gratuite creative commons)

https://www.publicdomainpictures.net/it/view-image.php?image=61789&picture=carote

https://pxhere.com/it/photo/553067

https://pixnio.com/it/piante/verdure/cavolo-verdura-cibo-dieta-biologico-foglia


In questa pagina sono presenti link di affiliazione che garantiscono a questo sito una piccola quota di ricavi, senza variazione del prezzo per l’acquirente.


orniinfo

Ciao visitatore, mi chiamo Michele e sono il fondatore di orniinfo.com. Sono un "Millenials" e studente universitario. La mia passione per l'ornitologia nasce a 20 anni, quando ho iniziato a prendermi cura del canarino di mio padre. Ho studiato su molti libri sull'ornitologia e l'esperienza acquisita fa sì che riesca a dare molti consigli a allevatori e birdwatchers, soprattutto a chi è alle prime armi.

0 Comments

Lascia un commento

Avatar placeholder

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *